Summer School “I fondi europei per la salvaguardia dell’ambiente ed il contrasto ai cambiamenti climatici”

📍 Sono aperte le iscrizioni per la SUMMER SCHOOL “I fondi europei per la salvaguardia dell’ambiente ed il contrasto ai cambiamenti climatici” in collaborazione con Setin Srl. I docenti saranno Giacomo Cozzolino ed Alessandro Piazzi

🌳 Obiettivo delle 20 ore sarà fornire ai partecipanti le basi conoscitive sulle politiche europee nel settore ambiente e cambiamenti climatici, inclusi i principali strumenti di finanziamento e l’approccio per la preparazione di un’idea progettuale a valere sui fondi europei

👉 E’ possibile scaricare il programma completo e le istruzioni per l’iscrizione nella sezione “summer school” del nostro sito web:

http://corsofondiue.eumaps.eu

http://corsofondiue.eumaps.eu/wp-content/uploads/2019/07/Summer-School-Format-AMBIENTE-E-CAMBIAMENTI-CLIMATICI.pdf

Corso teorico-pratico
Servizi Ecosistemici, finanziamento delle aree protette e Pagamenti per i Servizi Ecosistemici (PES)

Molte nazioni, nella loro più recente strategia e piano di azione sulla biodiversità, riportano che la mancanza di risorse finanziarie rappresenta uno dei maggiori ostacoli all’attuazione delle politiche di conservazione e alla gestione effettiva delle aree protette.
Malgrado le risorse finanziarie disponibili siano aumentate dal 1992, anno della Convenzione di Rio, ad oggi, la maggior parte delle nazioni non sono in grado di attuare le azioni necessarie a raggiungere gli obiettivi della Convenzione sulla Biodiversità Biologica.
Negli ultimi anni sono stati realizzati numerosi studi sul tema del finanziamento della conservazione della biodiversità e della gestione delle aree protette e una delle review più recenti afferma che sono necessari investimenti maggiori, di almeno un ordine di grandezza[1]. Il target di Aichi n. 20 prevede appunto un incremento significativo nella mobilitazione delle risorse.
Tale obiettivo può essere realizzato attraverso la combinazione di contributi pubblici e risorse derivanti dal “finanziamento sostenibile” (sustainable financing), termine con il quale si indicano quei meccanismi, anche innovativi, di auto-finanziamento delle aree protette. Fra questi meccanismi i Pagamenti per i Servizi Ecosistemici possono svolgere un ruolo determinante, anche come strumento di Governance, anche all’esterno delle aree protette ed a scala di paesaggio.

OBIETTIVO
Legambiente ONLUS intende potenziare la capacità delle amministrazioni pubbliche per attivare processi di finanziamento degli interventi rivolti alla conservazione della natura in Italia e all’estero attraverso attività di capacity building. Il presente corso ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti una visione generale sui Servizi Ecosistemici e, allo stesso tempo, fornire gli strumenti per attuare tali politiche in maniera concreta.

DESTINATARI
Il Corso, a numero chiuso (massimo 25 partecipanti), ha come obiettivo il potenziamento di tecnici professionisti e personale delle aree protette.

CONTRIBUTO
Il contributo richiesto ai partecipanti coprirà esclusivamente le spese sostenute per la sua realizzazione (rimborsi spese vive dei docenti, materiali, pranzi e coffee-break).
Per l’intero corso è richiesto un contributo di € 200,00 (€ 100,00/cad se si intende partecipare solo ad alcuni moduli).

STRUTTURA
Il corso prevede tre moduli da 16 ore ciascuno, suddivise in due giorni consecutivi. Per ogni giornata di corso sono previste 4 ore di lezione teorica, 3 ore di esercitazione pratica e 1 ora di condivisione e discussione sui risultati delle esercitazioni.
Le lezioni saranno tenute da accademici e professionisti con elevata esperienza in Italia e all’estero. Le esercitazioni saranno seguite da un tutor, alla presenza dei docenti che ne commenteranno i risultati nella fase conclusiva della giornata

PROGRAMMA

13-14 giugno – ore 9:30 / 18:30 
Modulo 1: I servizi ecosistemici 
Durata: 16 ore
Docenti: prof. Davide Marino, prof. Riccardo Santolini

  • Servizi ecosistemici
  • I Pagamenti per i Servizi Ecosistemici (PES)

17-18 giugno – ore 9:30 / 18:30
Modulo 2: La Biodiversity Finance
Durata: 16 ore
Docenti: dott. Giacomo Cozzolino

  • La biodiversity finance and economics
  • Strumenti e metodi di analisi per la gestione finanziaria

19-20 giugno – ore 9:30 / 18:30
Modulo 3: Il Mercato del Carbonio ed i mercati gestiti
Durata: 16 ore
Docenti: prof. Davide Pettenella, prof. Marco Marchetti

  • Stato del Mercato Forestale del Carbonio
  • Standard e linee guida: good practices
  • I mercati domestici del carbonio in Europa

ISCRIZIONI
Le iscrizioni dovranno essere eseguite compilando il modulo allegato e spedendolo scansionato ai seguenti indirizzi: a.piazzi@legambiente.it e f.barbera@legambiente.it

SCARICA IL MODULO D’ISCRIZIONE

Il contributo può essere versato con le seguenti modalità:
BONIFICO BANCARIO
Intestato a: LEGAMBIENTE ONLUS
MONTE DEI PASCHI DI SIENA – AG.19 Viale Parioli, 142 – Roma
IBAN: IT96L0103003217000000586559   SWIFT: PASCITM1R19
Causale: [Nome e Cognome] – Contributo per corso Servizi Ecosistemici

Info e prenotazioni: a.piazzi@legambiente.it

[1] Rands, M. R. W., Adams, W. M., Bennun, L., Butchart, S. H. M., Clements, A., Coomes, D., Entwistle, A., et al. (2010). Biodiversity Conservation: Challenges Beyond 2010. Science, 329(5997), 1298-1303.

Corso teorico-pratico Servizi Ecosistemici, finanziamento delle aree protette e Pagamenti per i Servizi Ecosistemici (PES)

Legambiente ONLUS organizza un corso avanzato sui servizi ecosistemici, il finanziamento delle aree protette ed i Pagamenti per i Servizi Ecosistemici (PES)

Lo scopo del corso è potenziare la capacità delle amministrazioni pubbliche per attivare processi di finanziamento degli interventi rivolti alla conservazione della natura in Italia e all’estero attraverso attività di capacity building. Il presente corso ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti una visione generale sui Servizi Ecosistemici e, allo stesso tempo, fornire gli strumenti per attuare tali politiche in maniera concreta.

Maggiori informazioni nel documento scaricabile cliccando sull’immagine seguente:

Corso teorico-pratico Servizi Ecosistemici, finanziamento delle aree protette e Pagamenti per i Servizi Ecosistemici (PES)

 

 

Approvato il Progetto GEF Integrating biodiversity safeguards and conservation into development in Palau

L’ambizioso progetto per l’integrazione fra conservazione della biodiversità e sviluppo socio-economico è stato approvato i mesi scorsi dal segretariato GEF (Global Environment Fund).

Supervisionato da UNDP e gestito dal Ministero delle Risorse Naturali, Ambiente e Turismo, coinvolge diversi stakeholders a livello nazionale e internazionale.

Il progetto, con un budget di circa 27 milioni di dollari, mira, fra l’altro, ad introdurre strumenti avanzati di governance, come la realizzazione di piani paesaggistici che andranno ad interessare aree terrestri (landscapes) and marine (seascapes), la Valutazione Ambientale Strategica e strumenti di finanziamento sostenibile, fra cui i PES.

Giacomo Cozzolino è stato uno degli estensori del documento di progetto.

https://www.thegef.org/project/integrating-biodiversity-safeguards-and-conservation-planning-and-development

Capo Verde prepara la riforma del sistema di finanziamento delle aree protette

La Direzione Nazionale Ambiente (DNA) di Capo Verde, responsabile per la gestione delle aree protette, sta preparando la riforma per rafforzarne il sistema di finanziamento.

Nell’ambito del progetto GEF BIO-TUR, il consulente internazionale Giacomo Cozzolino, esperto in strumenti di finanziamento delle aree protette (la c.d. Conservation Finance) ed il giurista nazionale Ilidio Cruz, stanno completando i documenti tecnici e legali necessari a migliorare la gestione finanziaria delle aree protette ed a incrementare le risorse disponibili.

Fra i risultati attesi, presentati durante un incontro specifico presso la DNA, in linea con l’obiettivo 20 di Aichi, l’introduzione di nuovi meccanismi di “finanziamento sostenibile” e l’incremento del 50% dei fondi disponibili per le aree protette.

https://www.facebook.com/areas.cv/posts/2151616788264848

 

Infine, durante la settimana tra il 18 ed il 22 marzo, si è svolto nel Parco Naturale Sera Pico de Antonia un corso di formazione sul tema, dedicato ai funzionari delle aree protette e di altre amministrazioni pubbliche di Capo Verde.

https://www.facebook.com/areas.cv/posts/2156056261154234

Il valore delle aree protette per i Servizi Ecosistemici

Si è svolto a Roma il 20 marzo scorso, la conferenza “Il valore delle aree protette per i Servizi Ecosistemici”, organizzata da Legambiente e Federparchi.

La conferenza, alla quale hanno presenziato rappresentanti delle aree protette, dell’università e della ricerca scientifica, delle ONG e della professione, è stata l’occasione per presentare e discutere le opportunità che i servizi ecosistemici possono fornire e del ruolo fondamentale delle aree protette nelle politiche di valorizzazione e conservazione del capitale naturale.

Fra gli interventi, Davide Marino, dell’Università del Molise, ha presentato una panoramica sul valore dei servizi ecosistemici nelle aree protette; nella presentazione di Diego Florian, di FSC, è stato evidenziato come i nuovi strumenti FSC vogliono premiare il gestore forestale facilitando l’accesso al mercato dei servizi ecosistemici, mentre Riccardo Santolini, dell’Università di Urbino, ha presentato alcuni esperienze sui servizi ecosistemici nelle aree protette.

Alessandro Piazzi ha presentato due esperienze di applicazione dei servizi ecosistemici alla pianificazione e gestione di aree protette e siti della Rete Natura 2000, mentre Daniel Bazzucchi l’esperienza dell’Etiopia sulla Strategia nazionale per i PES.

Venerdì 5 aprile kick-off del Corso Executive in progettazione e gestione dei fondi europei

L’Università di Tor Vergata organizza il Corso Executive in progettazione e gestione dei fondi europei. l corso si basa su un approccio innovativo e multidisciplinareintegra in un nuovo quadro formativo le conoscenze di progettazione europea e di project management, così come definite dalle migliori prassi internazionali (ISO-UNI 21500), attraverso un innovativo modello denominato eU-maps®.

Il 5 aprile, alle ore 15.00, presso lo Scout center (Largo dello scoutismo n.1), si terrà il kick-off meeting con la presentazione del Corso, dei partner e delle Summer Schools.

SETIN srl è partner del Corso ed organizzatore della Summer School su Ambiente e Cambiamenti Climatici, che sarà presentata durante il kick-off da Giacomo Cozzolino

European Union Emission Trading System carbon price has surpassed 20 euro a ton

The EU Emissions Trading System (EU ETS) is a cornerstone of the EU’s policy to combat climate change and its key tool for reducing greenhouse gas emissions cost-effectively. It is the world’s first major carbon market and remains the biggest one.

Carbon emission permits have more than quadrupled from less than 5 euros since the middle of 2017 after European Union governments agreed to cut away a surplus that had depressed prices since the financial crisis that started in 2008. Utilities and industrial polluters need the certificates to cover greenhouse gas emissions they produce.

The last august the price has surpassed the 20 euro a ton.

The coal-fire power industry could finally phase-out, as Businessgreen says.

Moreover, carbon offset projects could benefit from this significant change and receive from carbon producers additional financial benefits, to be reinvested in forests and biodiversity conservation.

This mechanisms could facilitate the climate change policies.

 

Life SEPOSSO at Giglio Island (Tuscany), Costa Concordia shipwreck monitoring

LIFE SEPOSSO lands to Giglio Island (Northern Tyrrhenian Sea).

Within the activities foreseen in the Monitoring and control plan ISPRA / ARPAT  related to the evaluation of the effects resulting from the sinking of the Costa Concordia ship, on 4-6 July 2018 underwater explorations were carried out by LIFE SEPOSSO divers scientific operators.

The scuba diving survey involved the areas of dead matte in which experimental cuttings have been made using different techniques, in order to determine the best technique for the programming of transplantation actions in the selected areas.

With this survey site, LifeSEPOSSO complements the series of transplantation sites under monitoring, and adds an important source of data that will help define methods and best practices to be followed to increase the efficiency of future transplants.

SETIN is one of the LIFE SEPOSSO’s partners and Ecolinfa members are working on this project.

For more information, please visit http://lifeseposso.eu/en/?p=8145 

Round table on the experimental transplantation of Posidonia oceanica at Priolo Gargallo

As part of the events planned in the Augusta Bay between 9th and 13th July, for the meetings between stakeholders involved in the management of Posidonia oceanica transplants in the four study sites LIFE SEPOSSO organized a round table held in Augusta (SR).

The round table aimed at discussing the main aspects concerning the management of Posidonia oceanica transplants, with a specific focus on those transplants carried out as a measure of environmental recovery in areas such as the Augusta Bay in 2014, covering an area of 2.500 square meters.

In order to verify how transplanting is carried out to date, Life SEPOSSO has organized a series of monitoring scuba dives to collect new data and observations. These observations, together with the techniques used to carry out the transplantation, have been discussed during the round table session.

SETIN is one of the LIFE SEPOSSO’s partners and Ecolinfa members are working on this project.

For more information, please visit http://lifeseposso.eu/en/?p=8163